Le Terme di Pré-Saint-Didier

Le Terme di Pré-Saint-Didier

Le Terme di Pré-Saint-Didier

          Le terme di Pré-Saint-Didier sono storiche, pensate che già i Romani si rilassavano nelle loro acque dalle proprietà benefiche, che sgorgano naturalmente calde nei pressi dell’Orrido. Purtroppo, non ci sono documenti a testimoniare questa cosa, in quanto furono distrutti dalle guerre e da varie incursioni.

          La prima notizia storica certa è segnalata da un documento del 1560 riguardante l’atto di infeudazione concesso dal duca Emanuele Filiberto di Savoia a Claudio di Léaval, discendente di Bozo, proprietario delle terme come attesta un documento del 1572.

          In seguito, le due polle scomparvero, probabilmente a causa dello scioglimento del ghiacciaio del Rutor che avrebbe ricoperto la sorgente di detriti rocciosi. Nel 1730 la fonte venne ritrovata, ma la sua portata si dimostrò ridotta e la temperatura delle acque minore. La sorgente riaffiorò in una gola molto stretta accanto al torrente, le cui acque straripando la rendevano impraticabile per l’intero periodo estivo. Verso la metà del Settecento le terme furono acquistate dalle autorità regionali e il Conseil des Commis, l’organo di governo valdostano, prese in mano la gestione dei bagni.

          Per regolare lo sfruttamento delle terme fu costruita, poco distante dalla sorgente una struttura dotata di numerose vasche e di una doccia. L’edificio, ancora visibile sebbene pericolante, si trova a ridosso della roccia, sulla destra del torrente, ed è collegato al borgo dal ponte che ancora oggi viene detto ponte romano pur essendo di epoca successiva.

          Nel 1830, quando il paese prese il nome di Pré-Saint-Didier-les-Bains, fu fabbricata una nuova struttura termale, più funzionale e attrezzata. Nel 1887 la nuova struttura fu acquistata dalla Società Generale Anonima Termominerale Italiana, che dette nuovo lustro all’impianto attraverso numerosi ampliamenti e la costruzione di un piccolo Casinò, oggi integrato negli stabilimenti termali.

          Nel 1958, riabilitate alle loro primarie funzioni di balneoterapia, massoterapia e terapia inalatoria, le due sorgenti furono acquisite dalla Regione Valle d’Aosta, il cui intervento permise allo stabilimento di rimanere in attività per circa un ventennio fino alla definitiva chiusura avvenuta nel 1976.

          Passarono poi anni di abbandono, in cui il complesso termale cadde quasi nell’oblio. Dopo circa una decina d’anni di progettazione e studi, la struttura ha riaperto i battenti completamente rinnovata, seppur fedele al suo originario, il 23 luglio del 2005.

QCTerme di Pré-Saint-Didier in inverno

          Se volete approfittare anche voi dei benefici delle acque termali, perché non prenotate un ingresso o i trattamenti direttamente qui? Se vorreste fermarvi anche a dormire presso la nostra struttura, siamo convenzionati con le strutture delle terme e prenotando l’ingresso tramite noi avrete uno sconto!