La Chiesa di La Salle

La Chiesa di La Salle

La Chiesa di La Salle

          Vi abbiamo già parlato della Chiesa di Derby, vicina alla nostra struttura, ma a La Salle abbiamo anche La Chiesa di La Salle, dedicata a San Cassiano.

          I primi documenti relativi a questa chiesa sono gli atti delle visite pastorali del 1413 e 1416, ma l’edificio potrebbe essere ovviamente più antico. Della struttura quattrocentesca, tuttavia, non rimane più nulla, poiché nel 1846 la chiesa venne interamente ricostruita, per essere riconsacrata nel 1847. Il campanile nella parte inferiore dovrebbe risalire ai secoli XV-XVI, mentre la parte superiore è del 1710. Il quadrante luminoso dell’orologio del campanile, che consente di vedere l’ora anche di notte, è invece del 1907. Il campanile è una torre quadrangolare di pietra intonacata, con apertura a bifora in ogni piano. La cuspide, a piramide ottagonale, è fiancheggiata da quattro torrette alla base.

          L’edificio attuale, a tre navate suddivisa in quattro campate, custodisce uno degli organi più belli presenti in Valle d’Aosta, costruito nel 1857. Nel 1990, per raccogliere e proteggere gli oggetti di uso liturgico di maggior valore appartenenti alla chiesa parrocchiale e alle varie cappelle di villaggio, è stato allestito dietro l’altar maggiore un piccolo museo di arte sacra. Si segnala in particolare la statua della Madonna con il Bambino, proveniente dalla cappella di Charvaz (sec XIV-XV), oltre a: una Madonna del tardo Duecento, un Crocefisso del primo Quattrocento, una croce argentea dei primi del XV secolo e due minuscole statuette raffiguranti la Maddalena e San Giovanni Evangelista, uno degli esemplari più belli ed aggraziati di opere fiamminghe eseguite a Malines tra XV e XVI secolo ed esportate in tutta Europa.

          Inoltre, l’altare maggiore in marmo è sormontato da una tela del pittore torinese P. De Giorgis, offerta nel 1848 alla chiesa di La Salle dal re Carlo Alberto. Raffigura la Madonna e ai suoi piedi san Carlo Borromeo e santa Teresa d’Avila.